Mutui a basso costo ma meno facili da ottenere

Dopo aver analizzato le vendite immobiliari in Italia oggi soffermiamo la nostra attenzione sul fenomeno dei Mutui ipotecari. Infatti la crisi del settore porta con sé un calo delle vendite, iniziato nel 2007, frutto anche della stretta creditizia e della difficoltà che si incontra ad ottenere dalle Banche mutui per l’acquisto della casa. Il 2009 parte con una flessione del volume di erogazioni, a favore delle famiglie italiane, con un calo in media del 15% rispetto al 2008. Questo è quanto si ricava dai dati di Banca d’Italia che riportano anche il rallentamento del mercato per i mutui di sostituzione e surroga. Guardando i trimestri il 2009 apre con un meno 22% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente. Il secondo trimestre con meno 13% e il terzo con meno 10%. Che si stia invertendo la rotta? Da un’indagine presso le principali agenzie immobiliari italiane si conferma che la richiesta di case è in aumento anche se le conclusioni stentano a formalizzarsi. Vuol dire che i clienti ci sono ma per un insieme di fattori non si concludono gli affari. Le principali cause di questo fenomeno sono: lo sconto atteso sul prezzo, la difficoltà di accendere un mutuo, la precarietà del lavoro e una prospettiva non certo rosea nel futuro prossimo dell’economia. Il mutuo medio richiesto, a livello nazionale, è di 117 mila euro che nel Nord Est si attesta sui 126 mila euro mentre al Sud sui 103 mila. Questo è dovuto ai prezzi delle case nelle due macro aree: al Nord si aggirano sui 175 mila euro mentre al Sud si attestano su 130 mila. E pensare che il basso livello dei tassi d’interesse, oggi sul 2,5% per il variabile e il 5% per il fisso, potrebbe indurci a pensare che i mutui siano più facili da ottenere. Ciò, purtroppo non è così. Le banche non erogano più come un tempo: basta avere qualche ritardo di pagamento di rate di mutuo e l’erogazione del finanziamento diventa … un sogno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>