Fisco: no ipoteche per debiti sotto gli 8 mila €

La Corte di Cassazione, a sezioni unite, ha stabilito con sentenza n. 4077 del 22 febbraio scorso che sono illegittime le ipoteche iscritte sui beni immobili se l’importo della cartella esattoriale, sulla base della quale viene esercitata la formalità–ipotecaria, (prevista dall’art. 77 del DPR 602/1973 -Testo Unico riscossione) è di modico valore ossia non superiore a 8 mila euro e se non se ne dà preavviso al contribuente. «Rappresentando un atto preordinato e strumentale all’espropriazione immobiliare – si legge nella sentenza – anche l’ipoteca soggiace al limite per esso stabilito, nel senso che non può essere iscritta se il debito del contribuente non supera gli 8.000 euro».  La Corte ha così rigettato il ricorso presentato da Equitalia Polis, condannata al pagamento delle spese legali, che aveva fatto scattare l’ipoteca sull’immobile di un contribuente di Castellamare di Stabia (Napoli) per sanzioni non incassate pari a 916 euro.

Stabilisce inoltre la Sentenza che il contribuente deve ricevere preavviso dell’atto esecutivo (iscrizione ipotecaria) cosa che non succedeva prima d’ora. Il più delle volte ci si ritrova la casa ipotecata: senza preavviso!

Da una nostra indagine presso le principali Conservatorie dei Registri immobiliari italiane è risultato che sono centinaia di migliaia le ipoteche “legali” richieste da Equitalia Polis ai vari Tribunali che risultano di fatto illegittime, perché hanno a riferimento debiti inferiori al limite di 8 mila euro stabilito dalla Cassazione e perché non sono stati fatti e recapitati i preavvisi. Ora spetta ai contribuenti ed ai loro avvocati riportare giustizia in un momento di stretta creditizia e di difficoltà economiche evidenti. Magari con una class action che metta assieme in un unico giudizio legale tutti coloro che si sono visti calpestare dalla burocrazia e dall’avidità della pubblica amministrazione. Per chi volesse informazioni in merito inviare una mail a info@anama.it .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>