Alcune domande “aperte” fatte di recente agli esami

esameLa maggioranza delle commissioni d’esami presso le Camere di Commercio d’Italia utilizzano i quiz come prove scritte. In alcuni casi, però, vi è stata l’adozione di  “domande aperte” alle quali il candidato deve rispondere scrivendo le sue argomentazioni in relazione al quesito. C’è chi le ritiene un “tocca sana”, chi invece si disorienta. I quiz, in effetti, hanno la domanda e le possibili risposte che, in certi casi, orientano il candidato nella risposta. Le “domande aperte” lanciano il quesito e per rispondere bisogna avventurarsi in un ragionamento organico. Il rischio quindi è di non essere pronti ad argomentare su temi studiati ma mai “esplosi” con ragionamenti scritti. Ecco perchè vi riportiamo, di seguito, alcune di queste domande affinchè ne faccite tesoro per una ulteriore preparazione:

Quale è la differenza tra mediazione e mandato ?

Quando è necessaria la nomina dell’ amministratore di condominio ?

Che cosa è l’ assegno bancario ?

Quali sono gli elementi essenziali del contratto ?

Il mediatore può prestare fideiussione per una delle parti ?

Che cosa è la voltura catastale ?

In cosa consiste il mutuo ?

A cosa servono le tabelle millesimali ?

Quale è la distinzione fra eredità e legato ?

Quale è la differenza fra imposte e tasse ?

Quali sono i caratteri dei diritti reali di godimento ?

Quale è il termine massimo di efficacia della  denuncia di inizio attività ?

In base a quale criterio vengono suddivise le quote della provvigione quando l’ affare si è concluso per l’ intervento di più mediatori ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.