Le novità dal Piano Casa governativo

Con il Piano Casa si potranno fare abitazioni piu’ grandi fino al 20%, si otterranno sconti sui contributi di realizzazione, e l’inizio dei lavori potrà avvenire mediante una semplice perizia. Sono i punti piu’ importanti del tanto discusso piano edilizio. Gli edifici ad uso abitazione si potranno ampliare fino a un quinto rispetto alla cubatura esistente. Nella bozza e’ prevista anche la possibilita’ di abbattere e ricostruire edifici costruiti entro il 1989 – che non siano ovviamente sottoposti a tutela – rendendoli piu’ spaziosi fino al 30%, in base agli odierni standard qualitativi, architettonici, energetici. In generale sarebbero ampliati anche i casi in cui basterebbe una semplice dichiarazione per cominciare a costruire nuove case, senza passare attraverso le autorizzazione dei Comuni.

Quanto agli sconti fiscali dovrebbero essere, invece, proprio i Comuni a concederli fino al 20% per ampliamenti e ristrutturazioni e del 60% se la casa e’ destinata a prima abitazione del richiedente o di uno suo parente entro il terzo grado. Tutti questi interventi debbono rispettare le norme sulle distanze e quelle di tutela dei beni culturali e paesaggistici, non potranno riguardare edifici abusivi, o che sorgono su aree destinate ad uso pubblico o inedificabili, non potranno essere invocate per aprire grandi strutture di vendita, centri commerciali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.