Il condominio luogo di affari e di relazioni ma attenti alla solidarietà

Comprare casa oggi è un operazione impèortante e di grande spessore economico. Il più delle volte l’acquisto si orienta in appartamenti in condominio. In particolar modo nelle grandi città sono molte le offerte di appartamenti in condominio e il più delle volte la scelta è dettata dai prezzi d’acquisto più convenienti rispetto a case singole o villette a schiera. L’acquisto in condominio offree anche più protezione, più riparo da furti e da “incontri” pericolosi. Nell’acquisto in condominio comunque bisogna fare attenzione alla “responsabilità solidale tra vecchio e nuovo proprietario” che può causare disguidi ed incomprensioni. E non basta tutelarsi nei rogiti notarili con formule del tipo che “le spese condominiali graveranno sull’acquirente a far data dalla data dell’atto di compravendita” perché, nei confronti del condominio rimane la solidarietà tra le parti. Ciò significa che tutte le spese condominiali inerenti alla gestione in corso e quelle precedenti all’acquisto rientrano in questa solidarietà con il risultato che se il condominio deve avere dei soldi dal vecchio proprietario, può rivalersi anche sul nuovo acquirente. Vanno quindi codificate alcune regole ed avvertenze fondamentali da verificare prima dell’acquisto:

1. informarsi dall’amministratore sulla situazione complessiva del fabbricato e sui lavori previsti o già deliberati. Così come di lavori terminati di recente ma non ancora integralmente pagati;

2. farsi dare copia del Regolamento di condominio, capire se è di natura contrattuale o assembleare, perchè i condomini per contratto possono imporre vincoli “forti” come il divieto di tenere animali;

3. prendere cognizione della Tabella dei millesimi di proprietà e verificare che i millesimi assegnati siano perfettamente riportati nel Rogito notarile;

4. studiare l’elaborato planimetrico dell’intero complesso condominiale. Questo documento rappresenta il fabbricato, riportando l’indicazione delle parti esclusive e di quelle comuni;

5. farsi dare dall’amministratore la dichiarazione scritta circa la posizione debitoria dell’unità immobiliare che si acquista. I debiti passano in capo all’acquirente a norma dell’art. 63 delle disposizioni di attuazione codice civile; e farsi riferire se ci sono contenziosi giudiziari in corso con il condominio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.