La qualifica professionale: diritti e doveri

La nuova normativa ha stabilito che “l’agente immobiliare” diventa tale se possiede i requisiti previsti , se frequenta il corso di formazione previsto e se supera l’esame presso la Camera di Commercio di residenza. In questo caso il soggetto si porta in Camera di commercio, da inizio all’attività professionale non prima di aver sottoscritto la polizza assicurativa contro i rischi professionali prevista per legge. Anche in questo caso le offerte sul mercato sono molteplici: dalle assicurazioni convenzionate con le associazioni di categoria a quelle che, invece, prevedono un prodotto slegato da convenzioni ed accordi. Appena tutto è a posto la camera di Commercio assegna la qualifica Professionale, iscrivendo il candidato agente immobiliare al REA, se svolge l’attività come ditta individuale o nel Registro delle Imprese se adotta lo strumento societario. Una volta iscritto il professionista può svolgere l’attività su tutto il territorio nazionale, senza limiti territoriali e potrà trattare immobili e aziende di ogni tipo. Alla conclusione degli affari avrà diritto alla provvigione nei limiti concordati con il cliente. Tra gli obblighi dell’agente vi sono: l’obbligo di riferire alle parti tutto ciò che è in sua conoscenza ai fini della conclusione dell’affare; nonché quello di registrare le scritture private che venissero sottoscritte grazie al suo intervento. Vi è anche l’antiriciclaggio che impone all’agente immobiliare di annotare nell’apposito registro tutte le compravendite e le affittanze che hanno a riferimento affari pari o superiori a 15 mila euro di prezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.