Sostituzione del Mutuo : come si fa? E conviene sempre?

Sette famiglie su dieci hanno acquistato casa utilizzando un mutuo bancario. La crisi, però, ha reso il mutuo un problema alle volte insormontabile a causa del peso della rata mensile. E allora cosa fare? Si può sostituire con un altro meno pesante? Sì che si può fare con la sostituzione che è una pratica regolata dalla legge e permette di cambiare banca e quindi mutuo.

Ma è davvero vantaggioso procedere in tal senso? Prima di procedere con la sostituzione è necessario conoscere bene le attuali condizioni del mutuo, il reale tasso d’interesse applicato e quali sono le condizioni a cui si va incontro con detta operazione.

Quindi prima di procedere è meglio conoscere:

  • il debito residuo del mutuo che si intende surrogare;
  • le eventuali more ancora da versare;
  • il costo delle nuove pratiche di apertura e di accensione;
  • le penali, sempre se previste;
  • il costo per la cancellazione dell’ipoteca;
  • e quelle per l’ iscrizione della nuova ipoteca;
  • la rata di ammortamento, (con riferimento a quella del finanziamento precedente).

Solo nel caso in cui la rata così ottenuta sia davvero più bassa, e le spese per l’operazione sono sopportabili, vale la pena sostituire il proprio mutuo. B.P.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.