Sostituzione del Mutuo : come si fa? E conviene sempre?

Sette famiglie su dieci hanno acquistato casa utilizzando un mutuo bancario. La crisi, però, ha reso il mutuo un problema alle volte insormontabile a causa del peso della rata mensile. E allora cosa fare? Si può sostituire con un altro meno pesante? Sì che si può fare con la sostituzione che è una pratica regolata dalla legge e permette di cambiare banca e quindi mutuo.

Ma è davvero vantaggioso procedere in tal senso? Prima di procedere con la sostituzione è necessario conoscere bene le attuali condizioni del mutuo, il reale tasso d’interesse applicato e quali sono le condizioni a cui si va incontro con detta operazione.

Quindi prima di procedere è meglio conoscere:

  • il debito residuo del mutuo che si intende surrogare;
  • le eventuali more ancora da versare;
  • il costo delle nuove pratiche di apertura e di accensione;
  • le penali, sempre se previste;
  • il costo per la cancellazione dell’ipoteca;
  • e quelle per l’ iscrizione della nuova ipoteca;
  • la rata di ammortamento, (con riferimento a quella del finanziamento precedente).

Solo nel caso in cui la rata così ottenuta sia davvero più bassa, e le spese per l’operazione sono sopportabili, vale la pena sostituire il proprio mutuo. B.P.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.