La Segnalazione di Inizio Attivita’ (SCIA). Dispensa n. 8 di Paolo Bellini

La SCIA – Segnalazione Certificata di Inizio Attività è lo strumento amministrativo che consente di iniziare l’attività edilizia immediatamente e senza necessità di attendere la scadenza di alcun termine. A differenza della DIA – Dichiarazione di Inizio Attività non si deve attendere il decorso del termine di trenta giorni prima di poter avviare l’attività. La SCIA e ‘stata introdotta dall’articolo 49, comma 4 bis del decreto legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010 n. 122, che la disciplina. Obiettivo: accelerare e semplificare le procedure in edilizia.

Alla SCIA bisogna allegare le attestazioni dei tecnici abilitati, e i progetti necessari per consentire le verifiche successive di competenza da parte dell’Amministrazione. La legge impone che la SCIA sostituisca del tutta la DIA a norma del comma 4 ter dell’articolo 49 della legge n. 122 del 2010.

La SCIA si presenta in Comune allegando tutti gli elaborati tecnici e amministrativi richiesti dal regolamento edilizio, con le autocertificazioni sostitutive di tutti i pareri o dei nulla osta necessari, ad esclusione di quello sui beni storici vincolati dal decreto legislativo n. 24/02 (codice dei beni culturali e del paesaggio).

Se la SCIA è carente di documentazione o dei presupposti, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione, il Comune adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa. La soluzione in questi casi è conformare la pratica alla normativa vigente entro il termine minimo di trenta giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.