Autocertificazione? No grazie!

L’autocertificazione è molto utilizzata in particolare nel rapporto con la pubblica amministrazione. Serve spesso per il rilascio di dichiarazioni di natura anagrafica, lavorativa e professionale, comprese le attestazioni scolastiche e dei titoli di studio in generale. Gliarticoli 46 e 47 del DPR n. 445/2000 sono molti chiari e regolano le relative dichiarazioni sostitutive e i casi in cui può essere utilizzata.

La ratio dell’autocertificazione è di semplificare le procedure di accesso ad atti, documenti e presentazione di domande presso le pubbliche amministrazioni, le aziende ed ogni altro ufficio che richiede un determinato titolo di studio per accedere a percorsi formativi e quant’altro. Infatti nel 2020 il suo utilizzo è stato incentivato introducendolo anche nell’utilizzo per l’autocertificazione per gli spostamenti del Ministero dell’Interno. Sempre con autocertificazione si accede ai bonus e contributi statali sia edilizi che di altra natura.

Purtroppo però non tutte le pubbliche amministrazioni accettano l’Autocertificazione, mettendo in grave disagio il cittadino che non ha a disposizione copia del proprio titolo di studio e quindi deve rivolgersi alle scuole per ottenerlo. Il più delle volte la risposta dell’ente scolastico, in questo periodo, è la seguente:

” … si comunica che causa restrizioni COVID non è consentito l’accesso presso l’Istituto, per cui in attesa di nuove disposizione, può fare un’autocertificazione“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.